Post-fanfictionLa settimana scorsa ho fatto outing commentando un bel post di Alessia Savi.
Non preoccuparti, non sono impazzita e non inizierò a raccontarti le mie improbabili avventure saffiche romantico-sessuali. Quando dico che ho fatto outing mi riferisco al fatto che ho dichiarato orgogliosamente di essere una scrittrice di fanfiction.
Se non sai cosa siano le fanfiction probabilmente credi che non sia un gran problema dichiarare apertamente di scrivere fanfiction, ma credimi quando ti dico che sono moltissimi gli scrittori che nascondono accuratamente questa parte della loro vita (anche io l’ho fatto quando ero una ragazzina che cercava di fare amicizie a scuola): come Bruce Wayne, hanno un’identità segreta che non rivelano mai a nessuno perché sanno benissimo che svelare questa loro attività al mondo editoriale italiano attirerebbe su di loro una serie infinita di pregiudizi.
Questa situazione ti suona familiare? Sì, in fondo non è molto diverso da quello che può accadere se dici chiaramente a un “professionista dell’editoria” che ti sei autopubblicato o, Dio non voglia, hai pubblicato a pagamento (e per carità del cielo, non definirti mai scrittore!).
La differenza sta nel fatto che se il self-publishing è la Cenerentola dell’editoria italiana, le fanfiction sono come Gas Gas: non solo sei “sfigato”, ma pure un po’ “scemo”.

wpid-17133115_521550149_vbig

Credit: Cenerentola!

Quindi, ti chiederai ora, perché te ne sto parlando? E perché ho deciso di dire al mondo che sono una scrittrice di fanfiction?
Per tre motivi principali:

  1. prima di tutto perché costituisce un ottimo modo per crescere come scrittore;
  2. poi perché il mondo delle fanfiction può essere pieno di soddisfazioni;
  3. e infine perché può essere una grande occasione per farti conoscere dai lettori.

Vuoi sapere come? Seguimi.

Il meraviglioso mondo delle fanfiction

Partiamo dall’inizio: che cos’è una fanfiction?

Fanfiction (o fan fiction) s. ingl. (propr. «opera narrativa [fiction] di ammiratori [fan]»), usato in ital. al femm. – Storia ispirata a trame e personaggi di fumetti, cartoni animati, film e romanzi fantasy, e sim., ideata, elaborata e fatta circolare in Internet da appassionati dei rispettivi generi (da Dizionario Treccani)

Insomma, una fanfiction è semplicemente un racconto su un altro racconto. Facile no? Per quanto mi riguarda, la risposta è sì e no.
Scrivere fanfiction, infatti, può essere un ottimo modo per ritrovare l’ispirazione quando questa sembra averci abbandonato, o per riscoprire il semplice piacere di scrivere per divertimento, per mettersi in gioco senza troppi problemi: insomma, di scrivere per scrivere.
Per me è stato così, diversi anni fa. E sai perché le fanfiction possono operare questa magia sulla tua ispirazione? Perché hai già del materiale, del buon materiale, su cui lavorare!
Non devi partire da quella distesa di bianco opprimente che così spesso si trasforma in blocco dello scrittore: davanti a te ci sono personaggi, ambientazioni, una storia da cui partire, elementi già formati con cui giocare, da prendere e combinare come meglio ti suggerisce la fantasia. Secondo la mia esperienza, tutto questo è un vero toccasana per l’ispirazione.
Questo non significa che con le fanfiction sia tutto semplice: il fatto di avere a tua disposizione degli elementi già esistenti ti pone infatti davanti a delle responsabilità. Il tuo stesso amore per quegli elementi che manipolerai ti chiamerà a queste responsabilità:

  • quella di non snaturare i personaggi, facendoli agire in un modo non confacente al loro carattere
  • quella di rendere giustizia alla trama principale con un’invenzione altrettanto grandiosa e interessante
  • quella di creare nuovi personaggi che siano altrettanto vivi, complessi e sfaccettati quanto quelli che tanto ami

Come vedi, il compito di uno scrittore di fanfiction può non essere facile, ma proprio queste difficoltà possono aiutarti a migliorare come scrittore. Quell’obbligo morale di rendere giustizia alla storia originale, così come l’ispirazione che trarrai da essa, ti porterà probabilmente ad analizzare con occhio letterario personaggi, trame e situazioni del tuo fandom in modo da creare storie all’altezza della situazione.

Ma non è finita qui. Un altro grande vantaggio di scrivere fanfiction sono i lettori e i recensori: questi possono darti grandissime soddisfazioni, ma anche fare critiche pungenti e molto utili.

I recensori: gioia e tormento di ogni scrittore di fanfiction

ratatouille640

Credit: Ratatouille!

Non ti mentirò: il mondo delle fanfiction è aperto a tutti, per cui al suo interno si può trovare ogni livello di qualità. Con questa affermazione non mi riferisco solo alla qualità letteraria degli scrittori, ma anche dei lettori.
Molti dei lettori (forse dovrei dire lettrici, perché la maggior parte sono di sesso femminile) sono giovanissimi e per questo sono… come dire? Di bocca buona.
Le recensioni smodatamente entusiastiche di questo tipo di lettori possono dare profonde soddisfazioni – sì, è inutile fare finta che le recensioni positive non ci facciano piacere, anche questo si tratta di un semplice “Belloooooo” – ma è importante che tu non permetta a te stesso di montarti la testa sulla base di questi commenti.
I lettori che devi conquistare, quelli di cui devi conservare gelosamente la recensione, sono quelli che ti scrivono lunghi papiri che mettono in evidenza quali sono, secondo loro, i punti di forza e soprattutto quelli di debolezza della tua storia e della tua scrittura.
Da questi tipi di lettori, infatti, potrai trarre una visione esterna sul tuo lavoro, fondamentale per analizzarlo e migliorarlo continuamente, per puntare a una qualità letteraria sempre più alta.
Un altro elemento di cui tenere conto è che, spesso e volentieri, questo tipo di recensori non sono solo lettori forti ed esperti, ma anche scrittori: conoscerli e confrontarti con loro può far nascere amicizie meravigliose (a me è accaduto più di una volta) ed aiutarti a creare intorno a te una rete di scrittori che ti sarà immensamente utile se e quando farai il grande salto e passerai alla pubblicazione e alla vendita delle tue opere. Questi scrittori continueranno infatti ad essere al tuo fianco e saranno pronti a parlare di te, a consigliarti e ad aiutarti.
“Chi trova un amico trova un tesoro” non è solamente una frase fatta, credimi.

I lettori: il grande tesoro del mondo delle fanfiction

Non fraintendermi, non dirò che dovresti scrivere fanfiction solo per racimolare un po’ di lettori, ma non posso certo negare che questo sia uno dei tanti lati positivi dello scrivere fanfiction.
Qual è, infatti, la cosa più difficile per uno scrittore esordiente che inizia a far circolare (non dico pubblicare ufficialmente, solo far circolare sul web) le proprie opere? Farsi leggere.
Il mondo delle fanfiction è un immenso bacino di persone che non aspettano altro che leggere un altro racconto contenente i loro eroi preferiti. Non gli interessa sapere il tuo nome o quante cose hai pubblicato prima: se il tuo titolo e la breve anticipazione che viene mostrata agli utenti catturano la loro attenzione, allora leggeranno la tua storia. E molto probabilmente la commenteranno e consiglieranno ad altri appassionati dello stesso fandom.
Non sono sicura che esista un altro mondo in cui il passaparola funzioni così bene come nel mondo delle fanfiction.
Sono sicura che capisci molto bene che avere la possibilità di raggiungere molte persone, mostrare la propria scrittura e le proprie capacità, e affascinare una gran quantità di lettori, può essere un’occasione incredibile per costruire la propria personale fan base.
Se è vero, infatti, che all’inizio nessuno farà caso al tuo nome, è anche vero che se la tua storia si dimostrerà sufficientemente piacevole, appassionante e ben scritta, puoi stare sicuro che il tuo lettore memorizzerà il tuo nome e tornerà a cercarti presto: come ho detto, nel mondo delle fanfiction c’è di tutto e sono moltissimi gli scrittori la cui qualità è piuttosto bassa, quindi quando il lettore trova un bravo scrittore se lo terrà stretto.
E se sarai capace di ammaliarlo a sufficienza con la tua prosa, quel lettore ti seguirà fino in capo al mondo, compresa la libreria.

Perché dovresti diventare uno scrittore di fanfiction e dove farlo

7-hallmarks-of-bad-fan-fiction-06fb8f32-e483-4112-80c5-39ebb05a03bf

Credit: https://johnguillen.wordpress.com/2015/03/03/is-fanfiction-a-bad-word/

Credo di avere messo bene in chiaro che io ho un profondo amore per il mondo delle fanfiction e, sebbene siano diversi anni ormai che non scrivo niente di quel tipo, ogni tanto torno a farmi un giro nei miei fandom (sì, noi lettori/scrittori di fanfiction siamo molto fedeli e possessivi con i fandom che seguiamo), leggo qualcosa e magari butto anche giù qualche idea per quando sarò vecchia e in pensione e avrò tempo per tornare a scrivere fanfiction!
Spero di essere anche riuscita a comunicarti perché, secondo me, se vuoi diventare un autore di self-publishing (ma anche, più genericamente, se ti piace scrivere) dovresti prendere seriamente in considerazione l’idea di diventare uno scrittore di fanfiction. Se ancora avessi le idee un po’ confuse, ecco un piccolo riassunto per esplicitare meglio i miei 5 motivi per cui dovresti entrare nel mondo delle fanfiction e iniziare a scriverne:

  1. Scrivi fanfiction per ritrovare la gioia di scrivere: scrivi per scrivere, per divertirti, senza pensare a che fine faranno le tue parole. Scrivi perché ti va di farlo.
  2. Scrivi fanfiction per ritrovare l’ispirazione: ama i personaggi, le ambientazioni, le trame. Falle tue e poi fantastica, sono sicura che nel giro di tre secondi ti verrà in mente quella scena che avresti tanto voluto vedere ma che non è mai accaduta. Ecco, hai appena inventato la storia di una fanfiction.
  3. Scrivi fanfiction per confrontarti con i grandi: non parlo necessariamente dei grandi scrittori, parlo dei grandi personaggi, delle grandi trame. Scrivi per metterti a confronto con loro, per imparare da loro come costruire grandi personaggi e grandi storie.
  4. Scrivi fanfiction per confrontarti con i lettori e i recensori: scrivi per metterti in gioco, per farti leggere, per ricevere critiche e imparare vedendoti attraverso gli occhi dei lettori.
  5. Scrivi fanfiction per far innamorare i lettori: scrivi per conquistare la felicità unica che deriva dalla consapevolezza di avere regalato una piacevole mezz’ora ai tuoi lettori e per portarli poi con te nei tuoi mondi originali. La fanfiction è come una porta spalancata con una bella ragazza/ragazzo disponibile e affascinante che chiama i lettori.

Ok, forse ti ho convinto a scrivere fanfiction o magari anche solo a leggerle ma… dove farlo? Ecco i miei consigli, i più grandi e frequentati siti e archivi di fanfiction in Italia:

  • EFP – Erika Fanfiction Project è probabilmente uno dei primi archivi italiani di fanfiction, sicuramente uno dei più vasti e frequentati. Completamente in lingua italiana, ha una categoria per più o meno qualsiasi tipo di fanfiction possibile e comprende anche uno spazio per le storie originali. Ha un ottimo sistema di recensioni ed è una vera miniera di fanfiction e lettori. (ci sono anch’io, se hai voglia vieni a cercarmi: sono Nenredhel)
  • Wattpad – è un sito di “scrittura sociale”, non accoglie solo fanfiction ma anche molti originali. Interessante è il fatto che ogni storia sia presentata da una vera e propria copertina, esattamente come in un book store online. È un sito largamente anglofono ma la comunità di scrittori italiani sta aumentando rapidamente.
  • Fire and Blade -non è un archivio molto vasto ma te lo segnalo per due motivi: si occupa esclusivamente di slash e yaoi, due generi sovrapponibili e molto popolari nel mondo delle fanfiction; gli amministratori applicano un certo controllo sulla qualità della scrittura riservandosi di chiedere di modificare una storia con molti errori ortografici/grammaticali e di cancellarla se la richiesta è ignorata. Questo assicura una qualità minima che in altri archivi non è certa.
  • AO3 (Archive of Our Own) – è un archivio piuttosto basso, prevalentemente anglofono ma che accetta anche molte altre lingue, tra cui quella italiana. La comunità italiana non è vastissima, ma ti segnalo anche questo archivio perché ha un paio di particolarità che me lo ha fatto amare immediatamente: oltre ad avere un sistema di archiviazione e tag molto dettagliato e utile per trovare esattamente ciò che stai cercando (o di farti trovare da lettore interessato) permette ai lettori di scaricare le fanfiction in pdf o perfino in formato adatto agli eReader (mobi e epub). Poter leggere fanfiction a nastro senza distruggersi gli occhi sullo schermo del pc: fantastico!

Allora, cosa ne pensi? Conoscevi già le fanfiction? Le scrivi o leggi anche tu? Pensi che ci sia qualcosa di sbagliato in quello che ho scritto o vuoi aggiungere qualcosa? Conosci qualche altro importante archivio di fanfiction?
Raccontami la tua storia!


Piccolo Glossario delle Fanfiction (cioè tutti i termini che ho utilizzato in questo post)
Avvertimento: parole convenzionali che indicano al lettore la presenza di particolari argomenti sensibili all’interno della storia.

Fanbase: si riferisce all’insieme delle persone che sono appassionate di un determinato argomento.

Fandom: simile a fan base, è la passione e chi ha questa passione per un argomento; può essere un libro, un film, un gioco o anche un singolo personaggio reale o immaginario.

Slash: nato come avvertimento, è ormai diventato un vero e proprio genere a se stante. Indica la presenza nella storia di relazioni omosessuali fra personaggi maschili (per i personaggi femminili si usa il termine fem-slash)

Yaoi: genere manga focalizzato su relazioni fisico-romantiche omosessuali tra personaggi maschili, indica la stessa cosa anche all’interno di fanfiction ispirate da manga o anime (il corrispettivo al femminile si indica con yuri)