Guida alla scelta del servizio di self-publishing - Distribuzione dei libri: ampiezza e qualitàSfatiamo un mito (sì, un altro): pubblicare non basta.
Per raggiungere i propri lettori bisogna anche pensare alla distribuzione dei libri, cosa che non è scontata. Molti aspiranti scrittori o scrittori esordienti italiani sono convinti che basti trovare una strada per essere pubblicati perché il loro libro spunti magicamente negli store online o sugli scaffali delle librerie.
In realtà quello della distribuzione dei libri, soprattutto nelle librerie fisiche, è un meccanismo piuttosto complicato e anche misconosciuto dagli scrittori.
Vediamo di rimediare.

Distribuzione dei libri: questa sconosciuta

Per distribuzione dei libri si intende quell’operazione svolta dalle case editrici, dai servizi di self-publishing o dagli autori stessi che permette alle opere di raggiungere effettivamente i lettori interessati.
Nell’editoria tradizionale questa operazione può essere svolta direttamente dalle case editrici oppure, più di frequente, da apposite agenzie che si occupano di contattare le librerie per proporre nuovi titoli da acquistare e mettere sui propri scaffali, oppure da ordinare nel momento di una richiesta da parte di un cliente.
Nel mondo moderno, però, è necessario fare i conti anche con la distribuzione digitale: la distribuzione di ebook via web è un’operazione più semplice di quella fisica del cartaceo, in meno tempo si possono infatti raggiungere molte più persone e con costi più contenuti.
Anche nel caso della valutazione dell’ampiezza e qualità della distribuzione dei libri è necessario sempre tenere in considerazione la scelta che hai effettuato al punto 3 della guida riguardo il tuo formato di pubblicazione.

Distribuzione dei libri digitali

Distribuzione dei libri digitali: non è facile come sembraHai scelto il formato ebook per la tua pubblicazione. Forse ti ricorderai che ti ho già detto che secondo me è stata una scelta saggia, e ora te lo ripeterò per l’ennesima volta.
La distribuzione dei libri digitali presenta molti meno problemi e in linea teorica un self-publisher potrebbe benissimo decidere di fare del tutto a meno dei servizi di self-publishing e occuparsi lui stesso della distribuzione.
La maggior parte dei siti che vendono libri digitali online, infatti, permettono anche a singoli autori di caricare il proprio ebook per essere messo in vendita, a patto che abbia tutti i requisiti necessari: in genere si tratta di una copertina, una descrizione e un ISBN.
In linea teorica potresti farlo, tuttavia, a meno che tu non decida di concentrarti su un solo ebook store, o al massimo due o tre, te lo sconsiglio: non solo perché inserire tutte le informazioni necessarie su ogni store può essere lungo e noioso, ma anche perché poi dovresti tenere d’occhio l’andamento delle tue opere su diverse piattaforme, incrociando i dati tu stesso.
La cosa migliore da fare è quindi scegliere un servizio di self-publishing. Considerando che ti ho appena detto che è così facile distribuire un ebook online si potrebbe pensare che qualsiasi servizio di self-publishing garantisca un’ampia distribuzione dei libri digitali sul web.
Stai attento però, perché non sempre i servizi di self-publishing garantiscono l’inserimento del tuo titolo su molteplici ebook store online.
Alcuni servizi di self-publishing “minori” garantiscono infatti solo la distribuzione dei libri digitali attraverso il loro store proprietario o su store secondari: per quanto questo sito possa essere conosciuto e ben visitato non potrà mai reggere il confronto con le migliaia di persone in più che potrete raggiungere moltiplicando gli ebook store dove rendere disponibile la tua opera.
L’unica eccezione che mi sento di segnalarti è ovviamente Amazon. Amazon è il più grande e-commerce al mondo e soprattutto è leader mondiale per quanto riguarda la distribuzione di libri. Se qualcuno è in cerca del tuo libro in formato ebook, c’è un’altissima probabilità che lo vada a cercare per prima cosa proprio su Amazon.
Ma, potresti dirmi tu, in ogni caso perché dare l’esclusiva ad Amazon? Perché precludersi tutte quelle (ancora tante) persone che non posseggono un Kindle ma, magari, un Kobo?
La risposta si chiama Kindle Unlimited.
Kindle Unlimited è un abbonamento offerto da Amazon ai suoi clienti che, in cambio di una piccola cifra mensile, permette di leggere una quantità illimitata dei libri presenti nel programma: questo significa raggiungere facilmente una grande quantità di lettori forti ed esperti, che potranno fare una grande pubblicità alla tua opera consigliandola ad altri lettori.
In tutti gli altri casi, è sicuramente meglio essere presenti sul maggior numero di grandi ebook store.

Distribuzione dei libri cartacei

Distribuzione dei libri cartacei: arrivare in libreria è difficile ma non impossibileSe invece hai deciso di battere la strada del cartaceo o se comunque hai voluto aggiungere questo formato a quello ebook: prima di tutto bravo, hai fatto la scelta migliore, però devi fare attenzione perché ora potrebbero iniziare i problemi!
La distribuzione dei libri cartacei nelle librerie non è affatto facile, ma non è neppure tanto facile farli inserire negli store online. Sì perché i libri cartacei vengono ordinati online più di rado rispetto agli ebook, in particolar modo quando si tratta di autori esordienti e quindi poco conosciuti, perché al costo effettivo del libro cartaceo (già più elevato rispetto a un ebook) il lettore deve necessariamente aggiungere anche il costo della spedizione.
Scegliere di pubblicare anche in cartaceo è comunque una buona idea perché in Italia il lettore medio ha spesso pregiudizi riguardo all’ebook: questo non significa che non compra/legge ebook, ma solo che considera a priori di minor qualità un libro che pubblicato solo in ebook. Il cartaceo risulta inoltre comunque un servizio in più fornito al lettore e se proprio non aumenta la stima che ha di voi, impedisce che il fatto di non aver fornito questo servizio la diminuisca.
Tuttavia, per non pubblicare in cartaceo rassegnandoci ad aver semplicemente investito in reputazione, è estremamente importante avere una buona distribuzione dei libri cartacei nelle librerie.
Ora ti darò una notizia tragica: quasi nessun servizio di self-publishing garantisce una rete di distribuzione dei libri nelle librerie. Nel senso che nella maggior parte dei casi il vostro titolo non comparirà nemmeno nei cataloghi delle librerie come ordinabile.
Devi quindi scegliere che strada intraprendere:
  • Distribuire in una tua rete di librerie locali: va bene più o meno qualsiasi servizio di Print-on-demand, tieni solo conto dei costi e della qualità della pubblicazione.
  • Distribuire online: fai molta attenzione a quali store sono garantiti dai servizi di self-publishing. Dovrai cercarla un po’ ma l’informazione c’è sempre. Anche Createspace o Narcissus sono buoni servizi ma distribuiscono solo su Amazon (soluzione buona ma non eccellente)
  • Distribuire davvero in libreria: per quanto ne so io l’opzione è una sola, YouCanPrint

YouCanPrint e la distribuzione dei libri cartacei

Non ti ho parlato spesso di questo servizio di self-publishing per un semplice motivo: non ho mai avuto modo di testare personalmente i suoi servizi. Tuttavia ultimamente un’amica ha pubblicato con loro e quindi ho avuto modo di “scoprirli” un po’ meglio.
YouCanPrint offre sia il servizio di pubblicazione in cartaceo che in ebook ma è chiaro dal loro sito che il cartaceo è il vero punto di forza. Io aggiungerei che questo è vero soprattutto in virtù della fitta rete di distribuzione dei libri cartacei che possono garantire. In questo sono davvero unici nel loro genere.
YouCanPrint infatti non solo garantisce l’inserimento del tuo libro in formato cartaceo in 29 librerie online, tra cui nomi fondamentali nel panorama italiano come IBS, Mondadori, Feltrinelli, Libraccio, Hoepli, ecc. ma garantisce anche l’inserimento in catalogo (e quindi la possibilità di ordinare il titolo) di oltre 4.500 librerie in tutta Italia. Inoltre, se per caso avessi deciso di tradurre o far tradurre il tuo libro e volessi distribuirlo in tutto il mondo (potrebbe essere una buona idea, ma ne parliamo altrove), YouCanPrint può venirti incontro anche in questo caso, estendendo la distribuzione dei libri cartacei negli Stati Uniti, Australi, Nuova Zelanda, Canada, Gran Bretagna ed Europa Continentale attraverso alcuni dei più importanti ebook store online internazionali, come Baker & Taylor e Barnes & Noble.
Questa è una rete di distribuzione degna di una casa editrice di primaria importanza, ricorda però che l’inserimento in catalogo non garantisce che le librerie ordino effettivamente il titolo e lo espongano sugli scaffali – per ottenere questo toccherà a te convincere i librai – tuttavia moltiplicare il numero di librerie in cui è ordinabile significa moltiplicare le possiblità di arrivare effettivamente in vetrina.
Purtroppo, questo tipo di servizio richiede, come per il print-on-demand, un piccolo capitale iniziale da investire nella stampa di un certo numero di copie, tuttavia è mia opinione che questi possano essere soldi ben spesi.

Conclusioni

La distribuzione dei libri è un argomento vasto e complicato, tuttavia è talmente importante per la buona riuscita della tua carriera di self-publisher che è impossibile ignorarlo. Eppure ancora pochissime persone si soffermano davvero a riflettere sulla scelta.
Per la distribuzione dei libri digitali l’equazione “più store = più vendite” non è necessariamente vera. Amazon Kindle Unlimited è uno strumento davvero potente, quindi se fossi in te non scarterei a priori la grande visibilità che può darti: non solo il tuo libro sarà disponibile gratuitamente per un gran numero di appassionati e lettori forti, ma potrai anche accedere a diversi strumenti di promozione firmati Amazon.
Il mio consiglio è di prendere seriamente in considerazione l’idea di pubblicare inizialmente, diciamo per un periodo che vada dai 3 ai 6 mesi, in esclusiva su Amazon, per sfruttare la visibilità e gli strumenti forniti da Kindle Unlimited per dare una “spinta” iniziale non solo alle vendite ma anche alla popolarità del tuo libro. In un secondo momento consiglierei di passare comunque alla pubblicazione anche sugli altri store, se non altro per non precluderti quella (molto ampia in Italia) fetta di pubblico che non possiede un Kindle e ha quindi necessità di avere un formato epub.
Per quanto riguarda la distribuzione dei libri cartacei, invece, decidi prima di tutto quali saranno i tuoi obiettivi.
Creare una tua rete di librerie a livello locale può essere abbastanza: sicuramente a livello locale, dove il tuo nome può essere più conosciuto, potrai avere più possibilità di essere effettivamente messo i vetrina ed acquistato.
Tuttavia poter essere in librerie in tutta Italia è sicuramente motivo di lustro e poter dire: “puoi acquistare il mio libro nelle migliori librerie” aumenterà decisamente la tua credibilità agli occhi dei lettori. In questo caso YouCanPrint è il servizio di self-publishing che fa per te.
Il mio consiglio finale è quello di pubblicare su diversi servizi di self-publishing per i due formati.
  • Amazon KDP può essere l’ideale per un inizio in grande stile con gli ebook: pubblica, fai sapere online che sei lì fuori, fatti conoscere, fai promozioni e distribuisci gratuitamente il titolo. Insomma fatti un nome e soprattutto comincia a creare attesa intorno alla pubblicazione del cartaceo.
  • YouCanPrint sarà perfetto per pubblicare successivamente l’ebook negli altri ebook store online e il cartaceo in tutta Italia. se avrai giocato bene le tue carte, potrebbe esserci la fila davanti alle librerie per ordinare il tuo libro e a quel punto i librai probabilmente ordineranno il tuo titolo per metterlo in vetrina. Ricordati che ciò che vende, continua a vendere!

5. Velocità di pubblicazione        <       Indice       >        7. Contratti e copyright

Ora tocca a te

Hai già pubblicato? Quale tattica hai scelto per pubblicare i tuoi titoli? Hai qualcosa da aggiungere o qualche tecnica provata ed efficace per sfruttare al meglio le possibilità offerte dai servizi di self-publishing?
Oppure pensi di pubblicare e stai valutando varie strade?
Raccontamelo e condividilo con gli altri lettori/autori. Ricordati che il modo migliore per fare successo nel self-publishing è creare relazioni e condividere conoscenze!